zeco-turbines

Il potenziale.

L’acqua è l’origine della vita sul nostro pianeta.
In natura è protagonista nella formazione degli ecosistemi.
Grazie all’acqua l’uomo ha fatto una delle più importanti scoperte: trasformare la sua energia potenziale e cinetica in energia meccanica.
È questo il risultato che ottengono le turbine. La loro nascita risale alla Seconda Rivoluzione Industriale, alla fine dell’Ottocento, e oggi il suo rendimento supera l’80%.
L’energia idroelettrica è una delle fonti rinnovabili, che si rigenerano almeno alla stessa velocità con cui vengono consumate.

L’energia.

Le turbine idrauliche sfruttano la caduta disponibile, l’altezza a cui è posto il serbatoio a monte rispetto a quello di valle. Il flusso d’acqua viene convogliato sotto pressione attraverso un ugello. L’effetto prodotto in uscita è un getto d’acqua di grande potenza, che va a colpire le pale fissate fissate su una ruota, il girante, messa così in rotazione.
le turbine sono ad azione e a reazione. Nelle prime la trasformazione avviene nell’organo di distribuzione dell’acqua, sono scelte quando il salto è maggiore (fino a 1.000 metri) e la portata modesta. Quando il salto è minore (fino a 200 metri) a vantaggio di una maggiore portata vengono utilizzate turbine a reazione, che sfruttano anche l’azione della girante.

Le principali turbine idrauliche oggi impiegate sono:

  • Kaplan, piccoli dislivelli e grandi portate.
  • Bulbo, evoluzione della Kaplan, minimizza le opere civili
  • Francis, turbina idraulica a reazione.
  • Pelton, grandi salti e piccole portate.

L’energia idroelettrica è il futuro. Vi offriamo gli strumenti per realizzarlo.

Menu